Come importare i contenuti di un sito Html in WordPress

importare contenuti da sito Html a WordPress

Un tempo, neanche tanti anni fa, i siti venivano creati scrivendo codice Html: ogni pagina veniva scritta da capo a fondo (viva il copia-incolla) e i tempi si dilatavano enormemente, oltre al fatto che, se non avevi competenze specifiche, non potevi farci nulla.

Poi giunsero i CMS, software per gestire i contenuti, e tutto divenne molto più semplice e le possibilità si ampliarono enormemente.

Ancora oggi ci sono dei siti che sopravvivono esclusivamente in Html, senza nessun sistema di gestione alle spalle. Questi siti non sempre hanno l’esigenza di convertirsi, ma non è raro avere la necessità di trasformare queste pagine per poterle gestire con, ad esempio, WordPress.

In questo articolo vedremo come gestire questa migrazione, cercando di ottimizzare tempi e risorse. Il tutorial che segue presuppone che tu conosca la logica con cui lavora WordPress (puoi impararla grazie alla mia Guida semplice a WordPress per piccoli imprenditori) e qualche nozione basilare di Html.

Il tuo hosting è adatto?

Prima cosa da verificare è se il servizio hosting che al momento ospita il tuo sito è adatto per una installazione WordPress: per installare il noto Cms è raccomandabile che il tuo host supporti Php 5.6 e MySQL 5.6. Se non sai di cosa sto parlando ti basterà chiedere al tuo provider se il servizio a cui sei abbonato supporta l’installazione di WordPress: in caso di risposta negativa chiedi un upgrade del servizio. In caso di risposta affermativa sei a cavallo, installa WordPress e in 5 minuti sei pronto a procedere.

È molto importante che il tuo vecchio sito risieda sullo stesso spazio in cui installerai WordPress: quello che ti consiglio di fare è di copiare tutti i file del tuo vecchio sito in una sottocartella e installare WordPress nella root (cartella base) del tuo spazio web.

Se non sai come fare ho scritto un articolo su come installare WordPress.

Pronto a fare dei tentativi?

Molto spesso l’importazione non va esattamente come ci aspettavamo a primo colpo: come vedremo le opzioni da configurare sono diverse, e ognuna cambia il modo in cui il nostro contenuto si presenterà sul nostro nuovo sito WordPress.

Per poter tornare indietro sui tuoi passi devi creare un backup del database da ricaricare all’occorrenza in caso di importazione errata.

Leggi il mio articolo su come fare un backup del tuo sito con WordPress.

Distinguere grafica e contenuti

Come probabilmente già sai uno dei principali pregi di WordPress è che puoi gestire la parte grafica del tuo sito in maniera indipendente dai tuoi contenuti.

Questo significa che, in un certo senso, dobbiamo scindere queste due componenti del tuo vecchio sito per importarle nel nuovo costruito con WordPress: la parte grafica dovrà diventare il tuo tema, i contenuti dovranno diventare pagine e articoli.

Il tema del tuo nuovo sito WordPress

In questo articolo non affronterò come si possa trasformare un template Html in un tema per WordPress, quindi se vuoi mantenere l’aspetto grafico che avevi puoi studiare uno dei tanti tutorial presenti in rete (è necessario che tu conosca almeno html, css e php) oppure rivolgerti ad un professionista per far creare il tuo tema su misura.

Un’altra alternativa è quella di cambiare il look del tuo sito: puoi scegliere tra i tanti temi gratuiti presenti nel repository di WordPress.org oppure acquistarne uno premium adatto alle tue esigenze su un marketplace dedicato.

Importare i contenuti da un sito Html

Veniamo al cuore di questo tutorial. I modi di procedere sono due, a seconda del numero di pagine che dovrai importare.

Se il numero di pagine del tuo vecchio sito non è superiore a venti, ti consiglio di importare i contenuti con un classico copia/incolla: in un tempo ragionevole riuscirai a trasportare il tutto da un posto all’altro senza troppi intoppi.

Se invece hai di fronte una quantità di contenuti notevole viene in tuo soccorso un plugin gratuito per WordPress, Html Import 2, che in automatico trasferirà testi e immagini dal tuo vecchio sito alla tua nuova installazione WordPress.

Installare Html Import 2

Installare qualsiasi plugin in WordPress è un gioco da ragazzi: dal tuo backend seleziona Plugin, poi Aggiungi nuovo e Inserisci nel form di ricerca il nome del plugin, in questo caso Html Import 2. Una volta trovato clicca su Installa adesso, attendi il completamento dell’installazione, clicca su Attiva plugin e… finito! =)

Configurare Html Import 2 per l’importazione

Html Import 2 è un plugin che potrà sembrarti molto complesso, ma credo che non si possa semplificare ulteriormente un’operazione così articolata.

Di seguito spiegherò le configurazioni principali, ma ti invito a leggere la guida completa a Html Import 2 per avere un quadro completo della situazione.

Dal menù Impostazioni seleziona Html Import per accedere ai settaggi del plugin: le varie opzioni sono suddivise in 5 tab; in più vi è la scheda Tools con degli ottimi strumenti per controllare il tutto ad importazione terminata.

La scheda Files

  • Directory to import
    Qui devi inserire l’indirizzo in cui risiede il tuo vecchio sito. Il plugin ti suggerisce il path assoluto del tuo sito, ovvero l’indirizzo della cartella root: se hai copiato il tuo vecchio sito in una sottocartella, ti bastera aggiungere uno slash e il nome della sottocartella per configurare questo campo.
  • Old site URL
    Qui devi inserire l’indirizzo del tuo vecchio sito, che il plugin userà per configurare dei reindirizzamenti. Inserisci l’indirizzo anche se è lo stesso su cui stai operando.
  • Default file
    Il nome del file principale del tuo vecchio sito, quello che si apriva all’apertura per capirci. Solitamente è index.html.
  • File extensions to include
    Le estensioni dei file da importare: probabilmente le estensioni inserite di default (html,htm,shtml) vanno bene.
  • Directories to exclude
    Se ci sono cartelle da escludere nell’importazione, scrivile qui, separate da una virgola.
  • Preserve file names
    Seleziona questa opzione se vuoi che il nome del file diventi lo slug della nuova pagina WordPress: lo slug genera il permalink delle pagine, ovvero l’indirizzo URL facile da leggere.

La scheda Content

  • Select content by
    Qui, nella maggior parte dei casi, dovrai inserire il nome del tag Html che racchiude il contenuto da importare, il tipo di attributo che lo distingue (la voce Attribute, dovrai inserire idclass) e il valore di questo attributo (alla voce = Value).
  • More content options
    Qui ci sono una serie di opzioni interessanti che puoi selezionare: le più interessanti a mio avviso sono Import linked imagesImport linked documents.

La scheda Title & Metadata

  • Select title by
    In tutto e per tutto simile al precedente Select content by: indica il tag Html, l’attributo e il valore del title nel tuo vecchio sito.
  • Phrase to remove from page title
    Se il title delle tue pagine aveva una frase ridondante che vuoi eliminare, inseriscila qui.

La scheda Custom Fields

Se ci sono dei pezzi dei contenuti da importare all’interno di Custom field puoi settarli in questa scheda.

La scheda Categories & Tags

Se vuoi assegnare una o più categorie o tag ai tuoi contenuti importati puoi selezionarli da questa scheda.

Ora i settaggi sono completi: non ti resta che cliccare sul pulsante Import files, attendere e poi controllare che tutto sia andato come ti aspettavi.

Buona importazione! 🙂

4 commenti su “Come importare i contenuti di un sito Html in WordPress

    1. Ciao Tommaso! I siti statici non hanno aree di accesso, che per essere gestite hanno bisogno di “dinamicità”. Se invece intendi accedere alla gestione del tuo spazio web dove è ospitato il sito allora il tuo servizio hosting dovrebbe averti fornito gli accessi FTP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *